Cerca
  • Golden Office

Ergonomia e smart working: come organizzare la postazione in coworking


L'ergonomia della postazione di lavoro in coworking si concentra sulla salute e sulle prestazioni dell'operatore in smart working e sul suo rapporto con la tecnologia che lo circonda.


Durante la pandemia, molte aziende hanno dovuto ristrutturarsi e introdurre lo smart working come modalità di lavoro nella quotidianità dei dipendenti. Purtroppo però lavorare da casa comporta alcuni rischi, soprattutto in tema di sicurezza.


In questo caso si tratta di ergonomia e smart working, ed è per questo che organizzare la propria postazione di lavoro è fondamentale per prevenire i rischi associati disturbi muscoloscheletrici e visivi per il lavoratore.


L'ergonomia si concentra sul rapporto dell'essere umano con ciò che lo circonda, in particolare con la tecnologia con cui deve interagire per ottenere la massima felicità e le massime prestazioni.


Se hai un ufficio privato o una postazione coworking sicuramente avrai a tua disposizione una sedia ergonomica, una scrivania della giusta altezza e molta illuminazione. Se invece sei a casa, il nostro consiglio è quello affittare una postazione in un cowork della tua città. Non hai la possibilità di farlo? Segui questi semplici consigli:

  • posizionare il tavolo di lavoro: il piano di lavoro e la sedia devono essere collocate in modo che la luce arrivi lateralmente (perpendicolare alla finestra). Le fonti d’illuminazione devono quindi essere disposte parallelamente alla finestra e orientate nella stessa direzione cui è rivolto lo sguardo del lavoratore.

  • regolazione del sedile: l’altezza della sedia va regolata in modo che le cosce poggino completamente sulla seduta e le piante dei piedi siano a contatto col pavimento. Mantenendo la schiena diritta e le spalle aperte (per prevenire dolori al collo e alla spina dorsale), il tronco e le cosce dovrebbero formare un angolo retto o leggermente ottuso, così come per le cosce e le gambe.

  • regolazione del piano di lavoro: il piano di lavoro deve trovarsi alla stessa altezza del gomito, che deve formare un angolo retto tra braccio e avambraccio. Se la scrivania, o tavolo di lavoro, non è ad altezza regolabile, si può optare per una sedia ergonomica regolabile in altezza.

  • posizione dello schermo: per non affaticare gli occhi ed evitare di assumere una postura scorretta, è opportuno collocare lo schermo il più in basso possibile, con il bordo inferiore del monitor praticamente appoggiato sul tavolo; l’inclinazione del display deve far sì che lo sguardo sia rivolto leggermente verso il basso e la distanza rispetto agli occhi sia tale da poter stendere un braccio verso il monitor.

Postura, movimenti e pause in smart working

Durante la giornata lavorativa non è sempre facile fare i famosi 10.000 passi raccomandati per mantenersi in forma, soprattutto per chi svolge un impiego sedentario e magari, proprio a causa dello smart working, ha rinunciato anche a quei brevi tragitti a piedi da casa all’ufficio, o dalla macchina al lavoro.

A maggior ragione, quindi, è importante ricordarsi di adottare piccoli accorgimenti per uno stile di vita sano sul lavoro:

  • fare stretching e semplici esercizi di mobilità per spalle, collo e schiena;

  • fare pause brevi ma frequenti, in genere si raccomanda di non passare più di due ore consecutive davanti allo schermo;

  • alzarsi e muoversi spesso per sgranchire le gambe e riattivare la circolazione.

Entra subito in contatto con Golden office cowork e scopri tutte le nostre soluzioni! Il Golden Office a Torino Mirafiori Sud è in una posizione strategica perché nelle immediate vicinanze della tangenziale sud. Inoltre offre per tutti i coworker una confortevole area break dove riposare la mente e fare due chiacchiere con gli altri ospiti del cowork e un cortile con poltrone e ombrellone per prendere un po' d'aria nelle giornate più calde.



Se vuoi avere maggiori informazioni contattaci al numero +39 3703188360 o inviaci una e-mail a info@goldenoffice.it.

0 visualizzazioni0 commenti